Nemi conferisce la cittadinanza onoraria al milite Ignoto

Il sindaco Alberto Bertucci lancia un appello di coesione forte del Paese in questo momento di emergenza

printDi :: 29 ottobre 2020 23:17
Alberto Bertucci, Sindaco di Nemi

Alberto Bertucci, Sindaco di Nemi

(AGR) L'Amministrazione Comunale di Nemi è tra i primi Comuni d'Italia ad aver conferito  la cittadinanza onoraria al Milite Ignoto  sepolto all'Altare della Patria di Piazza Venezia come segno di riconoscenza a tutti coloro che hanno perso la vita per la difesa della Patria.

Per il Consiglio Comunale di Nemi in rappresentanza dell'intera comunità, è stato un grande onore rendere omaggio al Milite Ignoto definendolo un figlio di Nemi ed in un momento di emergenza nazionale per il Covid-19 questo gesto diventa anche un simbolo di coesione per il Paese.

Tale proposta dall’alto valore è stata promossa dall’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e dal Gruppo di Medaglie d'Oro al Valore Militare che ha sostenuto, nell'ambito della commemorazione del centenario della traslazione del Milite Ignoto nel sacello dell’Altare della Patria a Roma 4 novembre 1921-2021 di conferire, da parte di ciascun Comune d'Italia, la Cittadinanza.

Lo spirito di sacrificio del Milite Ignoto – dichiara il Sindaco di Nemi Alberto Bertucci – in questo momento storico possiamo riconoscerlo in tutte quelle persone che sono impegnate in prima linea nell’ardua battaglia contro un nemico invisibile come il Covid-19.

Abbiamo voluto - conclude il Sindaco  - dare un segnale forte di coesione del Paese.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE