Ponte Milvio, spara un colpo di pistola contro ex moglie e cognato, in manette 38enne albanese per tentato omicidio

La donna con il cognato ha incontrato l'ex marito ed è scoppiata una lite al cui culmine l'uomo di origini albanesi avrebbe sparato un colpo di pistola che avrebbe mancato di poco i due andando ad infrangere una vetrata. A conclusione delle indagini la polizia ha arrestato il 38enne

printDi :: 21 gennaio 2023 17:25
Ponte Milvio, spara un colpo di pistola contro ex moglie e cognato, in manette 38enne albanese per tentato omicidio

(AGR) La notte del 20 gennaio scorso, poco dopo le ore 2, è giunta al 112 NUE la telefonata di una ragazza che chiedeva aiuto da via Riano; le pattuglie della Polizia di Stato in pochi istanti hanno raggiunto la donna che era lì con il cognato.

 I due hanno raccontato ai poliziotti della sezione Volanti e dei distretti/commissariati Ponte Milvio, Primavalle e Villa Glori  che, poco prima, uscendo da uno dei locali di via Flaminia, hanno trovato l’ex marito di lei insieme ad un altro ragazzo. Dall’incontro è scaturita una lite al culmine della quale l’ex coniuge, un 38enne di origini albanesi, avrebbe preso una pistola ed avrebbe sparato un colpo all’indirizzo della ex moglie e del cognato. Il proiettile avrebbe mancato di poco i due, andando a colpire una vetrata di un locale dove, in quel momento, non c’era nessuno. Il 38enne, subito dopo aver sparato, sarebbe fuggito con il suo amico a bordo della berlina da cui aveva anche preso l’arma.

A riscontro di quanto raccontato gli agenti hanno trovato, ad un’altezza di poco più di un metro e mezzo da terra, il foro nel vetro di un ristorante.

Con i dati e le testimonianze raccolte sul posto i poliziotti, con l’apporto della sala operativa della Questura di Roma, hanno iniziato le indagini  e le ricerche dei sospettati.

Il ragazzo che accompagnava il 38enne è stato trovato in strada nel quartiere Battistini. Più articolate le ricerche di colui che avrebbe sparato: i poliziotti della sezione Volanti sono arrivati in un appartamento di selva Candida nelle vicinanze del quale era parcheggiata anche l’auto segnalata; avendo la certezza che l’uomo, pur non rispondendo alle chiamate, era in quell’abitazione, con l’aiuto dei Vigili del Fuoco, sono entrati da una finestra trovando il 38enne dentro un armadio nascosto tra i vestiti.  Le perquisizioni non hanno –al momento- permesso di trovare la pistola. Sui luoghi è intervenuta la Polizia Scientifica per i rilievi tecnici e sono stati fatti vari sequestri tra cui la berlina tedesca.

La vittima ha formalizzato negli uffici del Distretto Ponte Milvio la  denuncia per l’accaduto.

È stato altresì accertato che, nell’aprile del 2021, il 38enne era stato tratto in arresto per maltrattamenti in famiglia ai danni della donna e per il danneggiamento dell’auto del cognato.

Il 38enne, al termine degli accertamenti, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto da parte della Polizia Giudiziaria operante perché gravemente indiziato del reato di tentato omicidio. La stessa PG ha subito informato il magistrato del pool antiviolenza della Procura di Roma. L’indagato è stato traferito in carcere; la locale Procura ha chiesto al Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Roma la convalida della misura pre-cautelare adottata.

Indagato in stato di libertà per favoreggiamento anche l’uomo che era in compagnia del 38enne. 

Tutti gli indagati sono da ritenere presunti innocenti, in considerazione dell'attuale fase del procedimento, ovvero quella delle indagini preliminari, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE