Roma, nove arresti per furto e rapine, presi quattro stranieri che distraevano le vittime lanciando monetine

I quattro, due peruviani e due cubani, hanno più volte “lanciato ad arte” delle monetine ai piedi di alcuni anziani, cercando di distrarli. Il giochetto gli è riuscito al Nomentano dove sono fuggiti con una borsa, stesso escamotage e furto di una borsa sul sedile dell'auto. La polizia li ha intercet

printDi :: 13 maggio 2022 13:22
Roma, nove arresti per furto e rapine, presi quattro stranieri che distraevano le vittime lanciando monetine

(AGR) Si comunica, nel rispetto dei diritti dell’indagato (da ritenersi presunto innocente in considerazione dell’attuale fase del procedimento – indagini preliminari – fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile) e al fine di garantire il diritto di cronaca costituzionalmente garantito che la Polizia di Stato, ha arrestato/sottoposto a fermo di PG - con le specifiche sotto descritte - 9 persone gravemente indiziate dei reati furti, rapine e ricettazione.

4 uomini di età compresa tra 30 e 36 anni, 2 di origini peruviane e 2 cubani, sono stati arrestati dagli agenti del commissariato Romanina al termine di una specifica attività dedicata. Gli investigatori, in abiti civili, impegnati in un servizio volto alla prevenzione e alla repressione dei reati in danno di persone anziane, perpetrati, per lo più, nei parcheggi dei supermercati,  hanno individuato un’auto con 4 persone sospette ed hanno iniziato a seguirla a distanza. Certi di non essere osservati, i 4 hanno più volte “lanciato ad arte” delle monetine ai piedi di alcuni anziani, cercando di distrarli ma nessuno di loro ha dato peso alla cosa. Il furto però è riuscito perfettamente nella tappa successiva, un bar nel quartiere Nomentano, dove, come ricostruito in seguito, sono riusciti a rubare una borsa. Fuggendo, sempre in auto, dal luogo del furto, hanno buttato la borsa in un cassonetto e, subito dopo, vedendo una persona anziana ferma all’interno di un’auto, hanno gettato delle monete nelle sue vicinanze e, dopo averla distratta con questo escamotage, hanno rubato la borsa che aveva sul sedile. I 4 non si sono accontentati e poco più avanti hanno tentato di prelevare dei contanti da un bancomat usando una delle carte di credito appena rubate. I poliziotti non hanno mai perso di vista i sospettati e, dopo averli raggiunti, li hanno fermati in via di Casal Boccone. 

 Gli agenti, dopo aver ricostruito, anche con le denunce delle vittime, gli eventi criminali, hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato dei 4 soggetti, arresti poi successivamente convalidati. Per due di loro l’Autorità Giudiziaria ha disposto il divieto di dimora nel comune di Roma. L’auto utilizzata, intestata ad una terza persona, è stata posta sotto sequestro.

Anche il 23enne originario della Romania arrestato dagli agenti del commissariato Appio aveva scelto come vittima un anziano. In viale Castrense, un ultra settantenne con problemi di deambulazione è stato affiancato da 2 ragazzi. Uno, ponendoglisi davanti, lo ha rallentato mentre il complice lo ha borseggiato. L’anziano si è accorto di tutto ed è anche riuscito a fermare il 23enne quel tanto che è bastato affinché  arrivasse la polizia sul posto.  Questa mattina, convalidato l’arresto il Giudice ha disposto  la messa in libertà dello stesso.

Gli agenti del IX Distretto Esposizione, sono intervenuti alla Garbatella per una rapina in un supermercato ad opera di un uomo armato di coltello. Le immagini di videosorveglianza, presenti nell’esercizio commerciale, hanno permesso agli agenti, anche attraverso l’utilizzo di attività tecniche, di identificare in un 54enne il probabile autore. L’uomo, dopo alcuni giorni di ricerche, è stato rintracciato in una struttura alloggiativa del Comune di Roma e sottoposto a Fermo di indiziato di delitto. Dopo la convalida del Fermo, il G.I.P. presso il Tribunale di Roma, ha applicato per il 54enne la misura della custodia cautelare in carcere.

3 ragazzi bosniaci di 35, 23 e 19 anni, all’una e mezza di  notte, nella zona di Fidene, sono stati sorpresi dagli agenti della Sezione Volanti e dello stesso III Distretto Fidene Serpentara, subito dopo aver rubato il catalizzatore di una Smart. I poliziotti sono ora al lavoro per accertare la provenienza di un’altra marmitta rinvenuta nella stessa auto dei 3 indagati. Il Giudice del Tribunale di Roma, successivamente alla convalida della misura pre-cautelare, ha disposto per i 3 l’obbligo di presentazione alla PG.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE