Ascom e Fipe per il rilancio turistico del litorale romano

Al via la Pianificazione turistica 2022, Valeria Strappini presidente dell'Ascom: uniti e vicini alle aziende per lo sviluppo di un prodotto turistico, si parte con la partecipazione alla Borsa Mediterranea di Paestum, poi si punto alla ristorazione fiore all'occhiello del brand Ostia

printDi :: 23 novembre 2021 16:15
Valeria Strappini presidente Ascom

Valeria Strappini presidente Ascom

(AGR) Sul tappeto il tema del rilancio turistico per il litorale romano. Ascom cala le carte e parte dalla partecipazione alla Borsa Mediterranea del Turismo di Paestum, una manifestazione di volontà per collaborare, insieme alle altre Associazioni di Categoria, alla Pianificazione Turistica del 2022 e dei prossimi anni, attività coordinata dal Municipio X ed in linea con il Piano Strategico del Turismo della Regione Lazio ed in conformità con le linee guida di Roma Capitale.

La Presidente Valeria Strappini è entusiasta: “Lavoreremo con l’Amministrazione ed uniti con i nostri imprenditori per dare nuova spinta al comparto del commercio e della ristorazione, partecipando alla creazione di una pianificazione di eventi dal respiro internazionale, in linea con la costruzione di un prodotto turistico, progettato per attrarre flussi turistici durante tutto l’arco dell’anno. Punteremo su tutti gli asset strategici funzionali alla politica di marketing territoriale che verrà definita dall’Amministrazione in accordo con gli operatori del settore”.

“Oltre all’enogastronomia – spiega Valeria Strappini - asset che si va a legare al cluster archeologico e balneare, lavoreremo direttamente ed indirettamente sul prodotto turistico di città, per dare lustro ed identità ad una meta turistica che ancora deve prendere forma ma dalle grandi potenzialità. Punteremo a migliorare ed abbellire le vie dello shopping, altro attrattore turistico di rilevanza strategica, allestendo e rendendo più gradevoli gli spazi esterni a tutte le imprese.

I ristoranti ed i suoi bar sono la prima cosa che i turisti apprezzano in una città, dai dati dell’Osservatorio Economico della Fipe risulta, infatti, che la pandemia sia stata un’occasione per migliorare la qualità dello spazio urbano grazie all’ampliamento del suolo pubblico a disposizione dei locali. Stiamo lavorando, in proposito, affichè la deroga Covid sul suolo pubblico sia estesa per tutto il 2022”.

La ristorazione si conferma, dunque, impresa strategica per la filiera del turismo. Bar e ristoranti sono autentiche agenzie di promozione turistica, tra le principali motivazioni per cui il turista decide di visitare una città italiana e di restare qualche giorno in più aumentando la permanenza media è proprio la qualità dei cibi offerti.

“Per questo – continua la Strappini - posso annunciare con soddisfazione che Ascom Confcommercio e Fipe Confcommercio uniscono le forze per costituire un nuovo, unico, importante punto di riferimento per proprietari di ristoranti, bar, pizzerie, gelaterie ma anche catering, stabilimenti balneari e locali da ballo che operano nel X Municipio e lungo il litorale. Stiamo lanciando due format innovativi e promozionali in chiave di marketing turistico”.

Fipe sbarca dunque sul Litorale romano. L’Associazione che fa parte di Confcommercio Roma rappresenta il riferimento nei settori della ristorazione, dell’intrattenimento e del turismo, nei quali operano, a livello nazionale, più di 300 mila aziende.

La cucina del territorio viene considerata non soltanto un valore identitario e culturale ma anche un formidabile strumento di soft power. Non a caso sono tanti i Paesi nel mondo che fanno leva sulla cucina e dunque sulla ristorazione per accrescere la loro capacità attrattiva nei riguardi dei flussi turistici internazionali.

Da queste premesse nascono il progetto “Ristorante Tipico” e “Spazio Famiglia” entrambi promossi da Fipe Confcommercio. “Ristorante tipico ha l’obiettivo, in particolare, di rilanciare e valorizzare la cucina “romanesca”. Il progetto, agile nella struttura e innovativo per l’utilizzo delle tecnologie digitali, è finalizzato a garantire i ristoranti che valorizzano la vera cucina romanesca. Il progetto, in particolare, intende dare una nuova spinta al comparto della ristorazione, particolarmente colpito dalla pandemia Covid 19, offrendo opportunità di comunicazione e di rilancio nel mercato nazionale ed internazionale ai ristoranti romani e al brand Roma.

Il Progetto “Spazio Famiglia” vuole invece creare un marchio riconoscibile che permetta di identificare le strutture pronte ad offrire servizi dedicati alle esigenze delle famiglie: si parte da Roma coinvolgendo 350 realtà delle categorie ristorazione, ospitalità e cultura. Le strutture “Family Friendly” saranno inserite su una nuova piattaforma on line e su una nuova app sviluppate per facilitare la ricerca da parte delle famiglie che amano condividere momenti di convivialità in luoghi capaci di offrire loro servizi dedicati, pensati per rispondere alle loro specifiche esigenze.

Partecipa anche tu affinche' l'informazione vera e trasparente sia un bene per tutti

 
 
x

ATTENZIONE